Italia. Notti Magiche e Jiri Kousek in calibrato coast to coast nel Grande Steeple Chase di Milano, battuto il compagno Il Superstite. Sky Costellation buona anche la terza, il tre anni di Raffaele Romano domina il Giulio Berlingeri. En plein Paolo Favero, Let It Go Papa precede Pazzesco nella Corsa Siepi per 4 anni

Notti Magiche ha prodotto una prestazione formidabile che gli ha consentito di conquistare il Grande Steeple Chase di Milano. Protagonista di un calibratissimo percorso da front runner, il rappresentante di Josef Aichner ha eluso qualsiasi tentativo portato dai suoi avversari, imponendosi in bello stile nei confronti del compagno di colori Il Superstite e il rappresentante di Paolo Favero Mezajy. Una vittoria che ha permesso al team Vana di conquistare il suo quarto sigillo nel gruppo uno milanese nelle ultime cinque edizioni disputate, un’importante escalation di successi che ripaga gli sforzi in denaro del suo proprietario Josef Aichner al suo terzo successo nel grande steeple dopo Broughton e Martinstar, e del suo formatore Pepi Vana che lavorando alacremente su e giù per l’Europa merita naturalmente il giusto plauso. Nell’odierno calcio di rigore marcato nella scala dell’ippica milanese, la firma in sella a Notti Magiche ha consacrato definitivamente il talento dell’ottima frusta ceca Jiri Kousek, jockey di primo livello che quando chiamato in causa raramente manca all’appuntamento con la vittoria. Il fondo molto colloso ha pagato in modo determinate il vincitore, un prospetto stimato sin dai suoi primi passi sugli ostacoli, capace di vantare geni di alta qualità ereditati dal compianto Montjeu, un cavallo in grande crescita la cui freschezza ha senza dubbio giocato un ruolo fondamentale nella vittoria odierna. Nonostante il terreno non dalla propria parte e una pista che non propriamente consona alle sue caratteristiche, Il Superstite ha comunque corso una gara da big, finendo in slow motion nel finale ma salvando il secondo posto dalla rincorsa dell’ottimo Mezajy, il cui errore in ricezione al bull finch che per poco non costava la caduta ad Alessio Pollioni gli ha compromesso un probabile secondo posto. Per il muscolare figlio di Makfi un esordio sullo steeple positivo da tarare ovviamente nel tempio di Maia, dove Paolo Favero potrebbe ricollocarlo sugli ostacoli bassi. Nando quarto al traguardo precedeva Chateaudemalmason. Era molto attesa la conferma di Sky Costellation nel Giulio Berlingeri, che puntualmente ha espresso il verdetto di prospetto top, dominando in lungo e in largo il gruppo due sui 3000 metri riservato ai tre anni. L’Entrata in scena in diagonale breve da patte dell’allievo di Raffaele Romano, ha messo il punto esclamativo sulla corsa fugando ogni dubbio su chi sarebbe stato il vincitore, spazzando via una Sopran Zarina probabilmente condizionata dal terreno appiccicoso, che ha reso meno elastica la galoppata della grigia rispetto alla vittoria netta nella maiden. Gran finale di Lord Dragon per il team Vana Aichner, soggetto interessante e molto stimato dal suo team che andrà ponderato nei prossimi impegni meranesi. Per Sky Costellation stesso percorso iniziale del compagno di box Live Your Life, vittoria nel Primi Salti e Dei Novizi oltre alla griffe Berlingeri, per un futuro potenzialmente radioso sul quale Raffaele Romano ha detto: ” Ringrazio nuovamente Luciano Vitabile che mi ha consigliato di prendere questo cavallo per metterlo a saltare, nonostante il suo fisico non fosse così prestante. Sul futuro valuteremo se andare direttamente a Merano domenica 30 Giugno nella listed del Premio Dei Giovani o magari correre alla quinta nel Cermes, vedremo. Siamo ovviamente molto soddisfatti del percorso intrapreso dal cavallo, oggi ha vinto con il minimo sforzo dando chiaramente ampia dimostrazione di forza.” Nella Corsa Siepi per i 4 anni (en plein Paolo Favero) affermazione a sorpresa del cresciuto Let It Go Papa, ennesima novità importata da trainer altoatesino un ex Adrian Keatley piaciuto molto nello Staffe D’Oro vinte dal compagno Pazzesco, quest’oggi battuto limpidamente dal figlio di Frozen Power al termine di un percorso nel quale ha saltato in diverse occasioni molto grande. L’atteso Mensch ha chiuso al terzo dopo aver fallito clamorosamente l’approccio al salto sulla siepe di fine diagonale lunga; sfortunato il neo acquisto Aixois propostosi con il piglio del vincitore in diagonale breve ma poi vittima di un brutto problema sul tendine finendo rallentato da Josef Bartos. In giornata da segnalare la bella vittoria di Accelerator sul sorprendente Youmshine ed Aventus, ma plauso particolare all’appassionatissimo Lorenzo Chieregati che in sella al suo Mentore, vinceva per manifesta superiorità il cross country in apertura di programma.

(Nella foto Notti Magiche e Jiri Kousek Photo by Max Bertolini)