ITALIA. A Merano secondo appuntamento della stagione con l’incerta debuttanti del Prime Siepi riservata ai tre anni e la ripetizione del Pietro Santoni. In apertura di programma il tradizionale Sergio Giorgi in cross country, gara di preparazione al prossimo Grande Steeple Chase di Roma

Giornata piacevole quella in programma a Merano domenica per il secondo atto della stagione di Primavera Estate. Dopo la esordienti del Cogne è il turno delle Prime Siepi, prova nella quale si cimenteranno i giovani di tre anni con uno sguardo verso il Criterium di Primavera. Nove al nastro di partenza sui 3000 metri, campo gara che osservando i trascorsi in piano non sembrerebbe di altissimo profilo, la speranza è ovviamente quella di essere smentiti in maniera categorica, in passato da queste prove per debuttanti sono emersi soggetti di tutto rispetto. Inevitabile guardare alle pedine presentate da Raffaele Romano, al via con tre soggetti, trainer che detiene uno strike rate altissimo con i nuovi arrivati, vedi O’Juke nel Cogne domenica scorsa. Orange Blu è un Incolix del quale si parla bene, si tratta di un figlio di Blu Costellation che salta da molto tempo, quanto basta per garantirgli un’eventuale pole position in questa newcomer; Air Tango e More Than Habit quest’ultimo prelevato in Polonia, sono le due nuove proposte targate Elia Tanghetti. Meritano rispetto gli ospiti Version D’Haspel, femmina da Spanish Moon presentata da Greg Wroblewsky per i colori di Kartus Wieslaw, e Don’t Dream per il team Jiri Charvat, nuova proposta lanciata dal temibile Pavel Tuma, un erede da Dream Ahead sul quale si rincorrono voci interessanti, soggetto reduce da due piazzamenti in flat. Esordio assoluto per Supreme Vega, da valutare con estrema attenzione anche l’Aichner Dream In Blu, quindi i due fucsia di Paolo Favero Fulsome e Unknown Territory. Ancora i tre anni protagonisti in chiusura di convegno nella maiden sui 3000 del Naturno, dove Sopran Mystery, Kentucky Tango e Falafel potrebbero stabilire nuovamente lo standard della maiden milanese, nascono bene Darkalon e Kaspianne, quindi Robbie Roger e il debuttante Brando’s Power. Apertura di convegno con il tradizionale Sergio Giorgi cross country sui 3500 metri, primo step di preparazione al Grande Steeple Chase di Roma in programma domenica 19 Giugno. Santa Klara ha vinto in maniera convincente il Cossato a Milano, la figlia di So You Think potrebbe essere una lieta sorpresa nella specialità per quest’anno, ma il test odierno dirà qualcosa in più considerata la presenza di avversari come lo specialista Almost Human, allievo di Vana Sr che a Merano vinse il Roma lo scorso anno dopo aver corso da secondo arrivato il Giorgi alle spalle dell’ottimo Power Zar. Esordio a Maia per lo stimato Saint Joseph, novità di Jiri Charvat assai piaciuto nell’Amedeo Duca D’Aosta alle spalle del quotato Brunch Royal a Treviso lo scorso Novembre, nuova alba per Silver Tango veterano dalle mille battaglie che merita assoluto rispetto dopo la meritata pausa, quindi Antalgique ex francese convertito agli ostacoli da Lobos Urbanek con buoni risultati, Burrows Lane atteso in progresso dopo lo step milanese e Lady Minx assente da oltre 250 giorni. Nella periziata in siepi per anziani del Lord Madonna, grande attesa nel rivedere all’opera l’ottimo Sky Costellation, soggetto sul quale Raf Romano conta di rigenerarne le caratteristiche, cavallo di buona qualità esploso nel 2020 con la vittoria nella Corsa Siepi dei 4 anni, assai piaciuto a Milano nella corsa di rientro alle spalle del volante Nic Mountain, dopo la poco prolifica parentesi francese. Infine la ripetizione del Pietro Santoni, corsa molto aperta con Quartius da battere per Attlee e Bobalena, mentre rispetto alla scorsa domenica entra in lista anche Wopart, soggetto che non ha ancora espresso tutto il suo vero potenziale.

(Nella foto Almost Human)

Author: hurdleandchase