ITALIA. San Siro mercoledì, quattro prove in ostacoli. Nel cross riservato ai gentlemen, Zubiena tenta il suo primo acuto contro Tequila Tango, Vanessa e Starman, nella selling in siepi c’è il veterano Mezajy, incerti i due ascendenti

Consueto rendez vous del mercoledì sugli ostacoli a San Siro. Una giornata interlocutoria utile a dare spazio anche ai soggetti di seconda fascia, grazie al programma che in questo turno proporrà due ascendenti ed una vendere, oltre alla condizionata in cross country riservata agli amatori posta in apertura di programma. Cinque al via nel Gignese Fegentri Friendly Series, primo cross della stagione meneghina nel quale cerca risalto la femmina Zubiena. Ancora maiden in carriera l’allieva di Christian Ghiotti si è ben comportata durante la sessione meranese, significativa l’ultima performance contro un cavallo di miglior qualità come Brunch Royal, che candida la figlia di Red Rocks affidata al suo proprietario Pietro Luigi Stefani ad un ruolo di primaria importanza. L’esperta Tequila Tango fa della continuità la propria forza, seppur il cross milanese così come per Zubiena rappresenti una novità assoluta. Situazione che invece esalta le doti di Vanessa Del Cardo, che a Milano vanta il record di vittorie nella specialità con il suo fido cavaliere Daniele Tonelli; Aichner avrà al via il valido Starman (al debutto in cross) rivisto un buon assetto sulle siepi di Merano nello scorso Luglio, quindi Company Of Ring (compagno di allenamento di Zubiena) da tempo alla ricerca di una nuova dimensione, soggetto che nel 2018 sotto la gestione di Paolo Favero vinse addirittura un Lainate. Il Premio Toirano vedrà al via i quattro anni sulle siepi, mini periziata sui 3200 metri che si presta a varie chiavi di lettura. Pepi Vana ha al via Prouchki, un figlio di Martaline ex Gallorini che ha ben debuttato nel Cogne a Maia, prima di finire quinto nel valido test del Royal Mougins vinto dall’imbattuto Exciter. Linee dal peso specifico importanti per il portacolori di Josef Aichner, soggetto molto stimato dal proprio team che in questa occasione verrà impiegato con la novità dei blinkers, in sella Jan Kratochvil. Romano ripresenta con fiducia il top weight Airvi, fresco di condizione e reduce da una stagione altoatesina molto soft, buona l’ultima performance dopo tre mesi di assenza nell’Ernesto Loccatelli. Al suo fianco il valido Bornasco per i colori di Riccardo Belluco, e la femmina Anna dei Miracoli affidata ad Alessio Pollioni; il primo è un figlio di Nathaniel in continua ascesa che a Giugno ha vinto in condominio il Nello Coccia, piazzandosi poi a ripetizione nella seconda parte della stagione. La seconda ha manifestato un bel passo avanti all’ultimo turno, quando ha ottenuto il secondo posto alle spalle del ceco Natam nella maiden del Chiaromonte. Due le pedine di Paolo Favero, Ostrich e Sea Battle, il primo che sul fondo allentato si giocherà al meglio le proprie chance, l’altro in arrivo da migliori frequentazioni ma da tempo alla ricerca della miglior forma. Gianluca Bastianelli avrà al via Indisposed, cavallo ancora acerbo che ha lavorato molto duro nel suo ultimo impegno meranese, al fine di migliorare la propria condizione sia tecnica che atletica. Il Madesimo vedrà al via i cinque anni ed oltre sulle siepi (3200 metri), specialità nella quale torna a cimentarsi il veterano Mezajy. L’allievo di Paolo Favero che a Milano ha vinto un’edizione del Citterio, piazzandosi per ben due volte nella gran siepi e una nel grande steeple 2019, vanta forma ben documentata e gli avversari in questione paiono essere alla sua portata. Rientra dopo una lunga pausa l’Aichner Kazoo: un nobile decaduto assente dall’Agosto 2019, soggetto che in passato ha frequentato prime categorie; nel suo palmares ci sono titoli importanti, come una Gran Siepi di Grosseto, una dei 4 anni a Merano, Corsa Siepi di Treviso oltre alle condizionate di Bullona, Martesana e Bogliasco a Milano. Ventotene e Rio Apache, buoni per tutte le occasioni, Aventus tornato dopo lungo stop la scorsa settimana a San Siro, i rientranti La Provence e Desperados, quest’ultimo promettente in età giovanile completeranno il campo gara. Da vedere anche lo steeple chase in formato ascendente della quarta corsa (3600 metri), gara nella quale potrebbe trovare risalto il caratteriale Fly Filo Fly, piaciuto molto nei cross meranesi di buona frequentazione, soggetto che nella scorsa stagione si mese bene in luce nell’Anniversario degli Steeple Chase d’Italia a Maia. Difficile allo stato attuale collocare l’Aichner Colpo di Stato, impiegato questa volta senza il tongue tie, soggetto che avrebbe i mezzi da esprimere in un contesto del genere. Schwarzwald ritrova lo steeple dopo una parentesi poco prolifica nel cross, la linea di Robbesant porta al Favero Banky’s Art che però debutta sullo steeple, Padrinho sta crescendo ma vanta una sola esperienza sugli ostacoli grandi nel Valle Aurina, peraltro già sconfitto nettamente da Fly Filo Fly, quindi Rubens top weight senza troppa carta, Duke Is Back con forma quasi nulla, idem il bottom weight Sae Cortesapertas.

(Nella foto Zubiena e Pietro Luigi Stefani)

Author: hurdleandchase