ITALIA. Merano, torna a sventolare il bianco rosso di Christian Troger, tre vittorie nel fine settimana in una domenica super grazie ai successi di Amaranthus nel cross country e l’interessante femmina No Profit nel Sharstar

Sventola alto il vessillo bianco rosso di Christian Troger. E’ stato un fine settimana quanto mai positivo per l’appassionato proprietario di Lana, tre vittorie nella due giorni meranese, sabato con Mensch nel Memorial Giuseppe Chiodini, domenica uno splendido uno due grazie alla vittoria netta di Amaranthus nel cross country del Raffaele Ammirato e quella della femmina No Profit nell’handicap riservato ai tre anni sulle siepi intitolato a Sharstar. Amaranthus ha vinto in modo ineccepibile in perfetto stile Raffaele Romano il cross sui 3900 metri, confermando di aver recuperato il contrattempo fisico che non gli aveva permesso di andare alla grande corsa del Roma. Il jockey bresciano ha spaccato la corsa nell’ultimo quarto di gara lasciando in apnea il vecchio All About Cossio dopo un perfetto coast to coast, splendido l’isolamento finale in totale controllo con il quale ha lasciato al secondo posto l’appariscente Fly Filo Fly, che nelle volata per il secondo posto bruciava sul traguardo l’allievo di Pavel Poles; quarto a distacco Creep Desbois avanti al compagno Burrows Lane. Amaranthus potrebbe ripetere le gesta della passata stagione e puntare al Roessl Rablà per poi optare all’Arma di Cavalleria, in caso di esito positivo il figlio di Daro Sopran sarebbe chiamato all’impegnativo Nazioni o guardare nuovamente la trasferta svizzera di Maienfeld.

AMARANTHUS E RAFFAELE ROMANO

Fra i tre anni bella la conferma della femmina No Profit. Per la saura si tratta della seconda vittoria in carriera in tre uscite sugli ostacoli dopo il promettente debutto nel Prime Siepi in rosa. La figlia di Nathaniel possiede qualità e ottima punta di velocità, deve migliorare nell’aspetto tecnico ma ha tutte le carte in regolare per guardare avanti con fiducia, considerando i geni che con il passaggio d’età potrebbero farla migliorare in modo esponenziale. Alex Pollioni è riuscito a riconquistare metri preziosi nel finale all’attaccante Lehmi Pass al termine di percorso da front runner, nonostante un graduale allargamento dopo la finale che per poco non gli comprometteva la vittoria. Molto cresciuto anche l’allievo di Laura Marinoni ottimo vincitore nella maiden, passo in avanti anche del Favero Bajazyd.

(Nella foto No Profit e Alex Pollioni)

Author: hurdleandchase