Italia. Raffaele Romano protagonista nella domenica di Merano con un bel triplo. Sternkrantz (Davide Columbu) si conferma fra i quattro anni, il polacco San Cristobal vince fra i giovanissimi, Kitano protagonista in cross, Mesa Arch nella vendere in siepi

Raffaele Romano firma la cartolina della domenica di Maia, calando sul piatto verde di via delle Palade un triplo con annesso en plein. Una giornata estremamente positiva per il player manager bresciano, vittorioso in sella a Mesa Arch nella prova a vendere sulle siepi riservata ai quattro anni, precedendo la compagna Musique de La Nuit (bravo il giovane Gabriele Agus), sellando Kitano nel cross country e il quattro anni Sternkrantz nel clou del pomeriggio del Premio in ricordo al grande campione Or Jack. Fuori causa Balashakh dopo circa metà percorso (fermato precauzionalmente da Josef Bartos) la gara non ha avuto più storia. Davide Columbu ha preso il comando delle operazioni gestendo con sicurezza la corsa fino al traguardo, eludendo con buona disinvoltura il tentativo del falloso Langfuhr, che lasciava al terzo posto il fucsia Wootyhoot. Sternkrantz ha quindi confermato le belle impressioni dell’esordio, idem il suo dirimpettaio Langhfuhr, due cavalli in espansione ma con il vincitore attualmente più incline alla specialità, un soggetto sul quale punta molto proprio Raffaele Romano. Bella anche la vittoria del rientrante Mesa Arch, visto in buon assetto nella Prova D’Assaggio pisana, in controllo della corsa sulla rincorsa importante della grigia Musique de La Nuit e Gabriele Agus che regalavano l’uno due a Christian Troger. Kitano e Marcel Altenburger a bersaglio nel cross contro il vivace Monte Pelmo, quindi il successo netto del tre anni polacco San Cristobal, training di Grzegorz Wroblewsky e monta di Jan Faltejsek, avanti al progredito Ventotene e all’importato Feel The Wrath. (Nella foto Davide Columbu e Raffaele Romano)

Author: hurdleandchase