Italia. San Siro, Celeste Citterio a Mezajy ed Alessio Pollioni, l’allievo di Paolo Favero domina la condizionata e stacca il ticket per la Gran Siepi di Milano, battuti Morning Star e Live Your Life. Nando perfetto nel cross country, Noisemaker ok nel Madesimo

Il fondo allentato ha giocato un ruolo fondamentale sul risultato del Celeste Citterio, canonico appuntamento milanese sugli ostacoli bassi riservato agli anziani in prospettiva gran siepi. La vittoria di Mezajy non fa una piega, i progressi attesi dal suo team sono arrivati puntuali nel momento più importante della stagione, a ventuno giorni dalla Gran Siepi di Milano l’allievo di Paolo Favero ha ripreso il proprio convincente cammino ribadendo con grande autorità la prestazione fornita nel gruppo uno autunnale. Alessio Pollioni non ha di fatto sbagliato una virgola, la lettura tattica è stata ineccepibile giocando d’anticipo sulla piegata di fondo sullo scattista Live Your Life per poi andare a soffocare l’azione a lunga gittata del leader Morning Star, staccando con grande sicurezza in dirittura d’arrivo sul portacolori di Josef Aichner. Il terreno leggermente pesante non ha giocato un ruolo favorevole all’allievo di Pepi Vana, avvicinato nel finale da Live Your Life, protagonista di una buona rincorsa dopo la siepe conclusiva. Alessio Pollioni dichiarava nel dopo gara: “Siamo molto felici della prestazione, avevo sottolineato quanto questo cavallo a Pisa non avesse espresso i valori mostrati in Autunno. E’ un cavallo in evoluzione, il paraocchi ha senza dubbio giovato sulla prestazione, ma determinante è stato il terreno allentato che il cavallo gradisce particolarmente.” Molto bello il cross posto in apertura di programma. Sui 4000 metri del Cossato ha prevalso la qualità dell’ottimo Nando, in sella al quale Josef Bartos ha gestito bene le risorse del portacolori di Aichner, che alla sua prima nel percorso di campagna ha mostrato grande precisione nei passaggi più impegnativi, rincorrendo con generosità nell’ultimo tratto di gara per prevalere sul polacco Hades e lo stoico Lunatorio. Sfortunato Mentore che ben posizionato all’attacco della piegata finale, perdeva un ferro sull’anteriore lasciando anzi tempo ogni chance di vittoria. Nella vendere del Madesimo da segnalare la splendida affermazione del veloce Noisemaker per Davide Pacifici al training, in sella Niklas Loven che staccava nettamente dagli attesi Option Be e Amaranthus, caduto alla siepe finale American History.

(Nella foto Mezajy e Alessio Pollioni Photo by Max Bertolini)