Italia. San Siro anteprima Gp, Alessio Pollioni ci illustra i propri impegni nelle corse principali della domenica meneghina, nella quale sarà impegnato con Mezajy nella Gran Siepi di Milano, Pazzesco nello Staffe D’Oro, diverse le opzioni nelle altre corse, dubbio Change Maker nel Marco Rocca

Domenica a San Siro andrà in scena il primo big event sugli ostacoli, (il secondo in programma domenica 12 Maggio) giornata nella quale si disputeranno la Gran Siepi di Milano e il tradizionale Staffe D’Oro, una sorta di grande steeple riservato ai 4 anni, oltre ad un buon contorno che sarà caratterizzato dallo spettacolare cross country sui 4000 metri, il Marco Rocca valida condizionata per quattro anni in siepi ed una corsa a vendere sulla breve distanza. In attesa della dichiarazione dei partenti, Alessio Pollioni impegnato da alcuni mesi sugli allievi di Paolo Favero, scenderà in pista in entrambe le prove di maggio rilievo, Staffe D’Oro con il grigio Pazzesco e Gran Siepi di Milano in sella a Mezajy. Una buona occasione per il jockey di fede laziale, che spera ovviamente di correre da protagonista in due corse dove non mancheranno certamente gli avversari. Alessio, Pazzesco è senza dubbio un buon prospetto o almeno è ciò che ha dimostrato all’esordio nello Spegasso cosa ne pensi? “Sono d’accordo. E’ un cavallo sul quale ho sempre pensato positivo sin da quando ha mosso i suoi primi passi a Pisa. Al debutto ha vinto in bello stile poi la caduta nella prova seguente lo ha reso meno tranquillo. Paolo Favero ha deciso sapientemente di farlo correre in un ascendente al fine di smaliziarlo un po’ed acquisire maggiore esperienza, in quell’occasione aveva oltretutto una buonissima situazione ponderale e tutto è andato nel migliore dei modi. Lo step successo nello Spegasso a Milano è stato assolutamente soddisfacente, il cavallo ha risposto benissimo mostrando ottima attitudine al nuovo mestiere, superando i nuovi ostacoli con disinvoltura battendo avversari di buon valore. Ho sempre pensato che fosse un valido prospetto per il futuro, mi auguro quindi che possa proseguire su questa strada correndo una prova maiuscola anche in questo Staffe D’Oro avversari permettendo.” Veniamo alla gran siepi dove cercherai il primo piano in sella al cresciuto Mezajy. “E’ un soggetto che mi fa ben sperare, è un cavallo che dal suo arrivo in italia ha manifestato ottima qualità ed una crescita significativa sopratutto in questa parte della stagione. Per quanto raccolto durante l’Autunno milanese, vedi sopratutto la gran siepi disputata contro Champe de Bataille e Aztek, a Pisa probabilmente non ha reso come avrebbe dovuto, pur piazzandosi in entrambe le uscite nelle gran siepi disputate in Toscana e vincendo un handicap con peso molto impegnativo nel quale era obiettivamente declassato. Dal secondo posto ottenuto nel Brivio alle spalle di Live Your Life alla vittoria nel Celeste Citterio con la novità del paraocchi è cresciuto molto, quindi se continuerà a marcare progressi nella gran siepi sarà senza dubbio soggetto da tenere in considerazione almeno per il podio.” Probabile anche un tuo impegno in sella a Change Maker nella condizionata sulle siepi in ricordo a Marco Rocca, un cavallo che salta discretamente. “Non saprei, Paolo ha molte opzioni in tal senso e vuole prima vedere l’evoluzione dei partenti. Change Maker comunque è un cavallo che possiede buona qualità, discreta velocità di base da buon miler scattista figlio di Havana Gold. I lavori mattutini prima dell’esordio sono sempre andati molto bene, ma nella sua prima corsa sugli ostacoli del Corona Ferrea non abbiamo avuto fortuna, un percorso non semplice non gli ha permesso di esprimersi al massimo pur mettendo in mostra una bella risposta finale. Tutt’altra cosa nel Tatti Jacopo, una corsa nella quale dove si è fatta tanta velocità nonostante il terreno pesante. Il cavallo ha corso benissimo trovando sulla propria strada il sorprendente ceco Sargas in versione volante mai in grado di essere avvicinato nonostante una chiusa di grande solidità.”

(Nella foto Alessio Pollioni)