MONDO GENTLEMEN


SASSARI. MARCO ALZA IL SIPARIO A SASSARI

21.06.24

Si aperta anche la stagione estiva al Pinna di Sassari, con i cavalieri protagonisti nella gara d’apertura del convegno. Nella reclamare sui 1500 metri, MARCO GAIAS ha portato al traguardo l’atteso Gribu de L’Alguer (co-favorito con Sonniende) al termine di uno calibrato coast to coast che gli ha permesso di conquistare la vittoria. Nella retta d’arrivo molto combattuta, l’allievo di Leonardo Chessa si è difeso con coraggio da un quartetto di attaccanti fra questi Royal Cotai con Arturo Lai che in mezzo alla pista metteva un muso davanti One Smart Coookie con Giuseppe Chessa, Sonniende interpretato da Antonio Maldotti e Jllary con il fido Michele Murrocu. Per Gribu de L’Alguer si è trattata della vittoria numero 12 in carriera, la quarta in quel di Sassari.

GRIBU DE L’ALGUER E MARCO GAIAS AVANTI AL GRUPPO

MILANO. RICCARDO E BRUNO, DI NUOVO SOPRAN!

21.06.24

Dopo aver conquistato il Raffaello Picchi nel giorno dell’Arno a Firenze, Sopran Islanda e RICCARDO BELLUCO tornano alla vittoria a San Siro. Nel tradizionale appuntamento con l’Ettore Bocconi, handicap sui 2400 metri, la grigia targata Bruno Grizzetti si è resa protagonista di un splendido coast to coast con il quale non ha lasciato scampo ai suoi avversari. Tatticamente molto chiaro con la femmina davanti a scandire il ritmo, For The Faithful e Simone Vitabile nella sua scia, poi Global Hero, poi Charlie Max, Agent Zero, Ancalena e Chiamami Boss. L’epilogo ai 550 finali quando Vitabile ha dato un serio attacco alla femmina, passando in vantaggio ai 400 finali. Subito l’affondo del figlio di Holy Roman Emperor, l’allieva di Bruno Grizzetti ha saputo riorganizzarsi agendo molto bene sul passo, aggressiva al fianco dell’allievo di Luciano Vitabile, Sopran Islanda tornava in chiaro vantaggio nel finale sull’avversario. Bene in quota Charlie Max con Fabrizio Mazzoleni in valida proiezione finale per corsie interne, al quarto Chiamami Boss con Nicola Casati.

SOPRAN ISLANDA E RICCARDO BELLUCO

MILANO. IL BRIGANTE E’ ANCORA UN MISTER!

17.06.24

Quarta vittoria nelle ultime sei gare per Mister Mela. Splendida l’evoluzione del rappresentante di CARLO SANNA, protagonista nel Premio Los Cardos, periziata sui 1400 in dirittura. Ancora una volta perfetto in sella al qualitativo figlio di Churchill il noto ‘ Brigante’ partito acquattato alle spalle della prima linea composta da Quentin, Conte Attilio, Terdal e Daffodil Bloom. L’epilogo della corsa ai 300 finali, quando Sanna spostava al largo della schieramento pronto a lanciare la volata conclusiva, al suo interno l’attacco del gravato Conte Attilio, con Daffodil Bloom in quota lungo la corda. In fondo Mister Mela difendeva alla grande alla sua posizione, Conte Attilio e Riccardo Belluco chiudevano al secondo posto precedendo Daffodil Bloom interpretato da Emanuele Antinori. Da segnalare il gran finale di Allocco e Giulia Pellegrini dalla coda del drappello.

MISTER MELA E CARLO SANNA AVANTI A CONTE ATTILIO

MERANO. ALESSIO SI LANCIA DA PLUTONE, CLAUDIA NON FA SCONTI.

Corsa molto equilibrata il Premio Prinz Rudolf, bella periziata sul miglio che all’atto pratico si è rivelata tale con ben quattro soggetti giunti sulla linea del traguardo. Ha vinto Plutone ottimamente interpretato dal labronico ALESSIO LENZI, presentatosi molto grintoso ai 400 finali al largo della schieramento, concreto nell’attacco finale a Solar Prophet e Zia Rosa, agganciati nel finale dalla bella rincorsa della top weight Fulsome, dopo che il leader Yes We Can si era fatto da parte. Alla fine l’ha spuntata il rappresentante di Denise Pederiva, sul quale il team nutriva molto fiducia, battuto Solar Prophet e Fulsome con Zia Rosa al quarto posto, le distanza ci dicono l’incertezza dell’arrivo, muso, corto muso, corto muso! Quinta vittoria in carriera per l’allievo di Raf Romano, la prima ottenuta in quel di Merano. Nella periziata sui 2200 metri altra perla di CLAUDIA WENDE che in sella al suo Zaandam, si è resa protagonista di un perfetto coast to coast che non ha lasciato repliche ai suoi avversari. Quarta vittoria in carriera per l’allievo di Jeurg Langmeier, un poker interamente conquistato sulla pista di Maia; da segnalare il buon secondo posto di Natural Wonder avanti a Soul Sister.

16.06.24

NELLA FOTO ALESSIO LENZI

LIVORNO. FRANCESCA IN COAST TO COAST.

15.07.24

Vincitrice nella scorsa stagione del varesino Benetti, Allison è tornata alla vittoria nella prova a vendere sui 1950 metri ben gestita da FRANCESCA CECCHINI. Rientrata in una buona reclamare a Roma, la femmina allenata da Stefano Botti, ha tenuto al ruolo di favorita, conducendo dall’inizio alla fine, tenendo a debito distacco Sliding Woman interpretata da Claudia Bencini, per un arrivo tutto al femminile. Ad ampio distacco Coaxiorum e Ferramosca vincevano la volata avanti a Paperone con Giulia Pellegrini.

ALLISSON E FRANCESCA CECCHINI AVANTI A SLIDING WOMAN

MILANO. DAVIDE DI NUOVO SOPRAN !

13.06.24

Dopo la vittoria conquistata la scorsa domenica a Merano, DAVIDE TERZUOLO si è concesso una bella replica, conquistando in sella a Sopran Modigliana, l’handicap sui 1800 metri valido come II Tris in ricordo di una grande gentlemen come il Dottor Riccardo Vaccari. Bravo come sempre Bruno Grizzetti nel saper scegliere il programma ai suoi cavalli in certi tipi corse, vedi per l’occasione la femmina da Acclamation, che ha trovato tutti i requisiti per portare a casa la vittoria. Davide ha manovrato in anticipo su Bull Dozer all’ingresso in retta d’arrivo, ponendosi ai fianchi di Che Musica Maestro e Beatrice Riverditi, nuovi leader della corsa dopo il calo dell’outsider Nobizlikethisbiz. Fruendo di un ritmo molto importante, la grigia ha cambiato marcia ai 200 finali parando l’attacco del valido Curaro Light interpretato da Camilla Orlandi, vivace in prima linea e sconfitto per il secondo posto soltanto all’ultimo tempo di galoppo dal gran finale di Chiamami Boss e Nicola Casati, che ha dovuto circumnavigare tutto il gruppo per poi finire a velocità doppia. Sfortunata anche la prova di George Morland e Domenico D’Alo’, che non sono riusciti a pizzicare il varco nel topico della corsa.

SOPRAN MODIGLIANA E DAVIDE TERZUOLO AVANTI A CHIAMAMI BOSS E CURARO LIGHT

INTERVISTA A DAVIDE TERZUOLO

MERANO. ALBERTO AL CENTIMETRO, DAVIDE IN CONTROLLO.

09.06.24

Domenica a Maia con due periziate di minima, la prima sui 2200 metri l’altre sul miglio. Sulla distanza Galu Tue ed ALBERTO BERTON hanno prevalso all’ultimo respiro contro lo stoico Jackson ben interpretato da Nicolò Valentini. Bello il confronto che ci hanno offerto un veterano come Berton, (ex campione del mondo) e il giovane e promettente Valentini, i due in testa a testa negli ultimi 200 di gara con la vittoria che alla fine andava per una corta testa al rappresentante del team Borga, ex Biondi al suo secondo successo per la nuova formazione, che vedeva a stretto contatto anche la compagna Beautiful Aisha interpretata con coraggio da Federica Bisson. Nella prova sul miglio Pepita è tornata di luna buona, e DAVIDE TERZUOLO ha saputo coglierne l’attimo presentandosi bene in mano all’ingresso in dirittura d’arrivo. In sella all’allieva di Matteo Bonetti, Semenzato ha sfilato la prima linea prima della retta d’arrivo andando in corposa progressione ai 400 finali, respingendo tutta la compagnia dalla quale emergeva per il secondo posto Kalinia avanti a Passito.

CHILIVANI. GIUSEPPE E PEPPE, TUTTA D’UN FIATO!

08.06.24

Peppesp e GIUSEPPE CHESSA hanno riportato la periziata di minima sui 1200 metri. Pronti via e il cavaliere di Tula si è trovato subito davanti, a quel punto non c’è stata più corsa con l’allievo di Fabrizio Pes che a dispetto della situazione ponderale, ha tenuto la posizione in un perfetto coast to coast che non ha lasciato scampo ai suoi avversari. Royal Cotai ed Artu Lai hanno provato a più riprese l’aggancio ma senza effetti sperati. Al terzo posto Jllary con Michele Murrocu.

GIUSEPPE CHESSA

MILANO. NIK , IL RAGAZZO DI MANCHESTER.

06.06.24

In ricordo del grande Giorgio Macchi la prova in pista dritta formato handicap sui 1400 in dirittura. Ha vinto largheggiando Manchester Boy con il suo proprietario NICOLA CASATI, un figlio di Myboycharlie che alla sua seconda uscita fra gli amatori ha siglato il quarto successo in carriera. A Firenze il quattro anni aveva dato un valido segnale, che prontamente ha trasformato in un’ottima performance, sbaragliando il campo con una corposa progressione ai 250 finali che non ha dato scampo ai suoi avversari. Nicola ha atteso gli eventi il più possibile alle spalle della prima linea, il forte ritmo garantito in cavanti da Strong Enough pungolato da Trevithick e Curaro Light ha fatto il resto. Buona performance per Curaro Light e Camilla Orlandi che si sono ben presentati in mezzo alla pista, generoso fino in fondo Trevithick interpretato da Mirko Mammano Lupo, ottima prestazione anche per Isabel Queen con Alberto Berton sempre nel vivo della corsa.

NICOLA CASATI E MANCHESTER BOY

MERANO. CLAUDIA SUPER DOUBLE!

02.06.24

Grande protagonista nella domenica di Maia l’amazzone CLAUDIA PEDL. Nel tradizionale appuntamento del Premio Palace Merano, handicap sui 2200 metri riservato alle fruste rosa, Claudia ha siglato il successo in sella ad El Konsti per la formazione di Karoly Kerekes, tedesco che proprio in partnership con la Pedl, aveva vinto a sorpresa la Hunter dello scorso 14 aprile. Nonostante un break molto deficitario, il figlio di Helmet si è rimesso bene in corsa fino a galoppare in spalla ai primi in prossimità della dirittura d’arrivo. Usciti di scena Il Ginodellecaccie e Palimera, Claudia si è presentata bene all’appoggio ai 400 finali, rintuzzando il tentativo del grigio Agent Zero, che Danila Cherio aveva ben impostato sulle tracce del rivale. Vittoria limpida per il quattro anni, con Nimueh ed Eveleyn Poehl al terzo posto avanti a Under Secret con Giulia Pellegrini. Il doble per la connessione tedesca arrivava nella periziata sul miglio in ricordo di Passer Fritz grazie a No Waltz, che dopo aver temporeggiato all’interno di Solar Prophet, ai 250 allungava in scioltezza precedendo nel finale Quello e Riccardo Belluco (ottima chiusa) e Zia Rosa con Davide Terzuolo che si era ben battuta in prima linea.

ROMA. DA LEGNANO A CAPANNELLE, SUPER SIRI.

31.05.24

Soprannominato ‘Amsicora’ ANTONIO SIRI dopo essersi tolto la bella soddisfazione nella vittoria al tradizionale palio di Legnano, dando alla contrada di Legnarello il suo tredicesimo titolo, pareggiando i conti con Sant’Erasmo, il cavaliere sardo è tornato alla vittoria con il suo Drogon nella periziata sul miglio. Certamente un bell’acquisto questo figlio di Morandi, che sotto la gestione di Siri ha sbagliato poco o nulla, quest’oggi vincitore in totale controllo avanti Strand’s Of Glory. Quest’ultimo ben gestito in avanti dal marchigiano Luca Foresi, nulla ha potuto quando allo steccato opposto il grigio ex Narduzzi si è presentato ben carico dopo aver galoppato alle spalle della prima linea. Vittoria in canter e buon secondo per l’allievo di Luigi Di Dio, che ha salvato il secondo posto dal finish di Dream Academy e Gabriele di Gennaro che precedevano una generosa Comet Rocher.

DROGON E ANTONIO SIRI

MILANO. PER I SUOI FEDELISSIMI SIMONE C’E.

30.05.24

Super vittoria di For The Faithful e SIMONE VITABILE nella periziata sui 2200 in pista grande in ricordo di Scipione Martini. Gara caratterizzata da forte ritmo impresso in avanti da Che Musica Maestro interpretato da Beatrice Riverditi, Zaandam e Claudia Wendel sulle sue tracce e Vitabile alle loro spalle in attesa degli eventi. La corsa sta tutta qua, gli altri non in grado d’intervenire, quando ai 500 Zaandam si scopriva nell’attacco al leader, sempre all’attesa l’allievo di Luciano Vitabile. Simone temporeggiava fra i due avversari fino ai 300 finali, poi via libera nell’ultimo furlong per staccare da netto vincitore sullo stesso Zandaam. Seconda vittoria in carriera per il figlio di Holy Roman Emperor.

FOR THE FAITHFUL E SIMONE VITABILE

FOLLONICA. FRANCESCA NON ASPETTA E INSACCA LA PRIMA! CARLO S’IMBUCA, AMBIZIOSO ZIO PISANI.

29.05.24

Giornata gentlemen ai Pini di Follonica la cui cartolina spetta di diritto a FRANCESCA SUZZI, che in sella ad Hold On rappresentante della Picchi Galoppo, oltre ad aver vinto il centrale di giornata ha conquistato la sua prima vittoria in carriera. Brava Francesca nella gestione dello straripante figlio di Belardo, che ne ha dapprima controllato gli ardori per poi schiantare la compagnia con un allungo irresistibile dopo aver galoppato ai fianchi del leader Ancora Drago. Bel finale quello di Sliding Woman con Claudia Benci, protagonista di un super finale dopo percorso guardingo. CARLO SANNA di nuovo protagonista in sella alla sua Sopran Drusilla. Nella periziata di minima sui 2200 metri, il ‘Brigante’ ha atteso alle spalle di Nyx’s Impact approfittando dell’allargamento del rivale all’ingresso in retta d’arrivo, scivolando via allo steccato per staccare da Doralice e il veterano ALESSANDRO PISANI. Il cavaliere pisano non si è lasciato scappare l’occasione in sella ad Ambizioso nella seconda tris, handicap sul miglio, muovendo sul finire della dirittura opposta in aggiramento a Poligama per poi andare in caccia dello scatenato One Time Bed, scattando ai 150 per parare l’attacco deciso di Casus Belli ed Angelo Crocicchia apparsi per un attimo in grado di poter battere l’avversario. Finale notevole da parte di Love Yourself. Sforzo importante per Brazen Air e ANTONIO FERRAMOSCA nell’andare a prendere in retta Leoni Di Sicilia con Angelo Crocicchia, mentre in apertura di programma successo per Ladridibiciclette ed EMANUELE ANTINORI, che nell’handicap sui 2200 hanno regolato in zona traguardo Arvier e Ferramosca al termine di un bel dibattito finale.

FRANCESCA SUZZI E HOLD ON
CARLO SANNA E SOPRAN DRUSILLA
AMBIZIOSO E ALE PISANI

MERANO. DAVIDE E ILARIA, YES.

26.05.24

Due belle vittorie nella domenica a Maia. Torna al successo DAVIDE TERZUOLO SEMENZATO che in sella a Yes We Can nella periziata di minima sul miglio, si è reso protagonista di un bel coast to coast perfettamente orchestrato in sella all’otto anni di Patrick Hermegger, facendo risaltare meno la prestazione poco brillante dell’alterna compagna Pepita di Breme. Bella la difesa in mezzo alla pista nel respingere Blek Paradise e Moqui Marble, battuti nel finale dal gran recupero conclusivo del sempre verde Passito interpretato da Nicolo’ Valentini. Da segnalare il buon finish di Clarmont con Alberto Berton. Sedicesima vittoria in carriera per Yes We Can, la terza a Merano. Nell’handicap sui 2200 metri, bravissima anche Ilaria Saggiomo, rimasta molto glaciale in sella alla sua Bethany giunta all’undicesima vittoria in carriera, la settima a Maia con l’amazzone in sella. Ilaria ha atteso il più possibile senza aggredire la otto anno da Ruler Of The World, che partendo dalla seconda linea veniva in mezzo alla pista a far sua la corsa negli ultimi metri di gara precedendo i battaglianti Kashgar (Terzuolo) Hard Worker (Lenzi) promosso al terzo posto ai danni di Dubai Sound con Marco Gaias.

MILANO. A TUTTA LIFE PER SOFIA!

25.05.24

In ricordo di Giorgio e Stefania Sommariva la prova a reclamare sui 1800 della pista grande a San Siro. Brava SOFIA GOTTI che si è ritagliata una bella cartolina in sella a Gingi Life, che in sella alla cinque anni si era ben comportata nel Memorial Pietro Alberto Brocca. Una linea di tutto rispetto ribadita in questo contesto, dove l’allieva di Natale La Rosa ha preceduto l’atteso Lagomago e Show Airing. Sofia si è scoperta ai 600 finali andando all’attacco di George Morland e il Maggiore Domenico D’Alo’, i due sono rimasti a stretto contatto inseguiti ai 400 dal favorito Lagomago interpretato da Gabriele Calabretta. Gingi non ha mollato la presa e superato il rivale, ha tenuto brillantemente la posizione precedendo l’allievo il baio sellato da Bruno Grizzetti, mentre George Morland veniva superato chiaramente nel finale dalla buona chiusa di Show Airing e Riccardo Di Moro. Quinta vittoria in carriera a San Siro per Gingi Life, la prima con un amazzone in sella.

SOFIA GOTTI E GINGI LIFE AL CENTRO DEL CUNEO

CHILIVANI. DANIELE SCAPPA AD ALGUER.

24.05.24

In ricordo della figura di Pietro Alberto Brocca, la periziata sui 1800 metri nella quale si è imposto nettamente Gribu de L’Alguer interpretato da DANIELE ZUCCA. Il cavaliere portotorrese non ha fatto sconti, prendendo dopo i primi 200 metri di gara il comando delle operazioni, distribuendo molto bene i parziali in sella all’allievo di Leonardo Chessa, sfruttando nel migliore dei modi la situazione ponderale a proprio vantaggio. Daniele ha dato un’ultima accelerazione ai 400 finali, per poi conservare senza particolare difficoltà la posizione. Il regolare Sonniende con Antonio Maldotti è stato il primo ad andare in caccia del leader, ottenendo alla fine un buon secondo posto avanti a Land Of Giant con Marco Gaias, Gerilda e One Smart Cookie. Undicesima vittoria in carriera per Gribu de L’Alguer, la sesta al Don Meloni, la seconda con Zucca in sella.

DANIELE ZUCCA E GRIBU DE L’ALGUER

MILANO. E’ ADESSO LENZI!

23.05.24

Dopo un paio di buoni piazzamenti It Is Now ed ALESSIO LENZI hanno sfruttato l’occasione imponendosi nettamente nel tradizionale Gabrio Visconti di San Vito, periziata sul miglio in pista grande. Corsa priva di ritmo, ben impostata in avanti da Disputed e Noemi Pulcini, che ai 400 si presentavano ancora in buon vantaggio tentando la soluzione in volata. Nonostante un valido tentativo di rivalsa, il leader cedeva alla pressione dell’allievo di Giuliana Foglia, che dopo aver manovrato dalla seconda linea sotto la gestione del cavaliere labronico ai 400 finali, affondava il colpo vincente ai 250 che gli permetteva di prendere vantaggio molto netto nel finale. Per il castrone da Time Test che non vinceva da febbraio 2023, si è trattata della seconda vittoria in carriera, la seconda a Milano anche per Alessio Lenzi che ad aprile della scorsa stagione vinse in sella al suo Kodiac Blue. Per la cronaca da segnalare il terzo posto di Hot Sunset e Danila Cherio. Problemi per il favorito Nayleaf che ha chiuso rallentato in fondo al rappello.

ALESSIO LENZI ED IT IS NOW
INTERVISTA AD ALESSIO LENZI BY MAX BERTOLINI

FIRENZE. E’ ANCORA MISTER BRIGANTE!

21.05.24

Vince ancora il quattro anni Mister Mela con il suo proprietario CARLO SANNA. Terza affermazione nelle ultime cinque gare per il figlio di Churchill, a segno in questa periziata sui 1500 metri dove ha preceduto Sicilian Focus e Timba Reel. Una corsa molto chiara dal punto di vista tattico, con il ‘Brigante’ in avanti senza colpo ferire subito tallonato da Angelo Crocicchia che non ha mei perso contatto con il leader. Quest’ultimo andava in corposa progressione ai 400 finali mettendosi bene in difesa lungo la corda, Sicilian attaccava deciso al largo senza però riuscire ad impensierire il rivale nelle ultime battute. Bello il finale di Timba Reel con Francesca Cecchini, finiti a stretto contatto dell’allievo di Mario Crocicchia. Quarto a distacco Manchester Boy con Nik Casati.

MISTER MELA E CARLO SANNA PRECEDONO SICILIAN FOCUS

ROMA. PRINCIPE ALBERTO AL TERZO DERBY, JESSICA CON IL CONTE!

19.05.24

Derby day anche per gli amatori con il tradizionalissimo Domenico e Sergio Arnaldi. ALBERTO CARRASSI ha vinto la durissima prova sul miglio e mezzo, una corsa molto sentita che aveva mirato ormai da tempo con il suo Have a Cigar, arrivato al grande appuntamento con una forma molto importante. Il Principe non ha fatto sconti ai suoi avversari, balzando al comando delle operazioni con il suo solito piglio, assecondando le caratteristiche del figlio di Kingsfort, distribuendo parziali selettivi lungo il percorso. Alberto ha continuato in piena spinta anche nell’ultimo tratto di gara, quando proprio nei metri finali ha iniziato a calare a vista d’occhio, complice anche la grande rincorsa della scatenata Giulia Pellegrini, che in sella al suo Tendetious finiva fortissimo insidiando il rivale sulla linea del traguardo. Al terzo posto chiudeva a distacco un valido Last Born con Luca Foresi, che vinceva la corsa per la ‘medaglia di Bronzo’ su Sopran Islanda e Honey World interpretati rispettivamente da Riccardo Belluco (vincitore nella passata edizione di questa corsa) ed Emanuele Antinori. Per Carrassi si è trattata della terza vittoria in questo Arnaldi, ricordiamo i successi in sella a Lanoso e Time Out. Per Have a Cigar sesta affermazione in carriera fra Firenze, Napoli e Roma, la seconda con il suo proprietario in sella. Nel derby in rosa del World Fegentri Lady Riders sui 1800 metri, il successo meritato dell’atteso Conte Attilio interpretato dalla bravissima JESSICA SPAMPATTI. Di nuovo Bruno Grizzetti protagonista grazie al cinque anni da Australia, visto in grande ascesa nelle ultime due prove qualitative di Milano. Jessica è partita ai 400 dopo aver galoppato in spalla alla prima linea, andando a prendere la scatenata Blonde Queen rimontata all’interno dal sorprendente Pasquino, lanciato all’interno dall’ottima inglese Serena Brotherton. In fondo Conte Attilio controllava il tentativo all’interno dell’allievo di Ciro Luongo, Blonde Queen rimaneva al terzo avanti a I Saw That.

ALBERTO CARRASSI E HAVE A CIGAR
JESSICA SPAMPATTI E CONTE ATTILIO

MERANO. NICOLO’ BUONA LA PRIMA, EVELYN MOLTO SOLAR.

19.05.24

Giusto iniziare dalla prima vittoria della propria carriera di NICOLO’ VALENTINI, giovane rider sotto la scuola di Raffaele Romano, la cui passione è ben nota a tutti, amante sia delle corse piane che in ostacoli. In sella al top weight Black Watch, cavallo in grandissima forma ben disposto ad ogni tipo di monta, ha vinto la periziata di minima sul miglio e mezzo precedendo dopo uno splendido dibattito finale il veterano Jackson interpretato da Daniel Cherriman. Ben posizionato alle spalle dei primi, Nicolo’ ha ben curato le mosse dello stesso Jackson, per poi allungare ai 400 finali ingaggiando un bellissimo duello con l’avversario, battuto alla fine per una testa. Per il vincitore si è trattata della terza vittoria consecutiva, la decima nel computo totale, la quinta a Merano se consideriamo anche il suo trascorso sugli ostacoli. Al terzo posto terminava Pandora’s Cup con Alessio Lenzi. Nell’handicap sul miglio è tornata alla vittoria Eveleyn Poehl con il suo Solar Prophet, cinque anni targato Gianluca Bastianelli che proprio di questi tempi nella passata stagione insaccava una bella doppietta. Evelyn si è presentata molto confidente ai 400 finali, ha allungato decisa alle intersezioni per lasciare a distacco per un arrivo tutto in rosa, Federica Bisson in sella a Zia Rosa e Natural Wonder interpretata da Martina Zorzi.

FOLLONICA. EMANUELE A TEMPO DI FOLKI.

15.05.24

Netta vittoria di Folki ed EMANUELE ANTINORI nella periziata sul miglio. Quarta affermazione sul dirt per il figlio di Principe Adepto che raramente sbaglia questo tipo di corse, undicesimo sigillo in carriera, il terzo con il cavaliere marchigiano in sella. Manovra vincente sul finire dell’ultima dirittura opposta per il favorito targato Silvia Lucisano ed Alberto Antinori, quando Emanuele ha mosso penetrando per corsie interne sul calo della leader Artena, sopperendo all’attacco di Scarlet Beauty prima e Sparklealot in retta d’arrivo.

FOLKI PRECEDE SPARKLEAOT E SCARLET BEAUTY

FIRENZE. CHE CUORE DAMIANO!

14.05.24

Si conferma cavaliere in grande forma il romano DAMIANO POGGI, che ha riportato una netta vittoria a Firenze nella periziata sui 2000 metri in sella Cuore Nero. Quattro anni allenato dal maremmano Daniele Furi, che ha ribadito la bella linea di Have A Cigar manifestando chiara superiorità. Damiano ha temporeggiato mantenendosi in quinta posizione ma di fatto terzo in corda, anticipando le mosse di Archdeacon all’alba della dirittura d’arrivo, per poi snocciolare una corposa progressione in retta che non ha lasciato scampo ai suoi avversari. Al secondo posto chiudeva Sir Maxalot, con l’amazzone Alessia Nuti, giovane che sta migliorando corsa dopo corsa, sempre sulle tracce del leader Le Noir Desir, ma impotente sulla bordata del vincitore. Al terzo posto Alma Hera con il suo proprietario Fortunato Mariotto. Per il vincitore di è trattata della seconda affermazione in carriera.

DAMIANO POGGI E CUORE NERO

MERANO. RICCARDO CHE MANO! ALBERTO NO SECRET.

12.05.24

Due belle vittorie nella domenica pomeriggio a Maia. Nella periziata sul di minima sul miglio, RICCARDO BELLUCO ha conquistato la sua seconda vittoria in tre uscite a Merano con il suo Maponus, un figlio di Highland Reel perfettamente intonato al tracciato di Maia. Belluco ha galoppato alle spalle degli animatori Plutone, Surfa Rosa e Kalinia, iniziando corposa progressione ai 400 finali. Ben sostenuto dal suo cavaliere, il cinque anni allenato da Paolo Favero ha continuato in piena spinta prendendo vantaggio nel finale su Pepita di Breme, emersa molto bene per corsie interne dopo aver ben temporeggiato nelle mani di Alice de Bortoli. Kalinia restava coraggiosamente al terzo posto, da segnalare il finale interessante inscenato da Kutch e Luigi Bondi. Super coast to coast di ALBERTO BERTON e Under Secret nella periziata sui 2200 metri. Tutto perfetto per l’ex campione del mondo in sella all’allievo di Michele Italia, che ha risposto splendidamente per tutto il tracciato,. lasciando al secondo posto il solito Agent Zero con Danila Cherio, protagonista di buona chiusa avanti a Nayleaf e Simone Vitabile.

CHILIVANI. MARCO FA IL PESO MASSIMO.

11.05.24

Netta vittoria di Sonniende e MARCO GAIAS nella periziata sul miglio. Al Don Meloni il gravoso top weight non ha fermato l’allievo di Domenico Marras, come sempre ben gestito dal cavaliere di Burgos che ha atteso gli eventi alle spalle di Cervia e Royal Cotai, per accorciare il gap dagli avversari ai 300 finali per poi scattare ed isolarsi in avanti. Da segnalare il bel finale di One Smart Coockie con Giuseppe Chessa, che lavorando dalla seconda linea è venuto in fuori per fare un buon finale che vale una citazione per la prossima. Cervia ed Antonio Maldotti restavano il terzo posto. Per il vincitore dodicesima affermazione in carriera, la seconda a Chilivani con un gr a bordo.

MARCO GAIAS E SONNIENDE

MILANO. SIMONE PILOTA CON IL MOUSE.

11.05.24

Dopo tre buoni piazzamenti è arrivato anche il turno per Niagara Mouse. SIMONE VITABILE si conferma Re di Milano con un’ennesima vittoria. Quarto successo negli ultimi due mesi ed altrettanti piazzamenti in dieci corse disputate, trend davvero positivo per il siciliano ben coadiuvato dal fratello Luciano. In ricordo della scuderia Cubri e della saltatrice Bellamonti, (Annibale Brivio Sforza) l’handicap sui 1200 in pista dritta ha visto da subito i due protagonisti della corsa, con Divo Dei Grif e Gianpaolo Mollo bene in vedetta subito tallonati dalla grigia di casa Vitabile. Brazen Air terzo avanti a Cima Sound, Curandero, Ilomilo, Mesocco, Burning Lake e King Of the Lions. Vitabile ha attaccato deciso all’interno in prossimità del primo traguardo, momento in cui il Divo ha reagito molto bene dando filo da torcere all’avversario, che ai 100 finali riusciva a passare definitivamente sull’avversario con Brazen Air al terzo posto. Per il sette anni da Harbour Watch si è trattata della nona vittoria in carriera, la terza con Simone a bordo.

SIMONE VITABILE E NIAGARA MOUSE AVANTI AL GRUPPO

MILANO. BRUNO PREPARA, RICCARDO ESEGUE!

09.05.24
Connessione perfetta quella fra Bruno Grizzetti e RICCARDO BELLUCO che continuano in condominio a piazzare importanti successi. Dopo la vittoria ottenuta a Firenze nel Raffaello Picchi con la grigia Sopran Islanda, il double è arrivato nella tradizionale Coppa della Sire grazie al favorito Atzeco. Alla quarta uscita il figlio di Fasnet Rock è tornato alla vittoria superando un astinenza che durava da circa due anni, se consideriamo la lunga pausa di 249 giorni post estate 2023. Belluco ha assecondato le caratteristiche del sei anni, che ha risposto perfettamente alla gestione equilibrata del cavaliere, che in posizione di front runner ha atteso gli eventi fino ai 400 andando via tranquillo nel finale, controllando senza particolari problemi il buon tentativo da parte di Norton e Simone Vitabile partiti dalla seconda linea. Blue Kiss ed Antonio Ferramosca chiudevano al terzo posto dopo aver tentato l’attacco al leader, salvando poi il terzo compenso sull’affondo finale di Sopran Islanda e Mirko Mammano Lupo.

RICCARDO BELLUCO E ATZECO
INTERVISTA A RICCARDO BELLUCO

FOLLONICA. FRANCESCA VA IN FLIGHT!

08.05.24

E’ un bel 2024 per la giovane FRANCESCA CECCHINI, che aFollonica nella periziata sui 2200 metri, ha insaccato la terza vittoria in carriera interpretando il top weight Forward Flight. L’allievo di Giulia Stobbione, al suo primo handicap italiano, si è imposto respingendo in retta la temibile Sopran Drusilla interpretata da Carlo Sanna. Avvio con Shekerando che ha preso un po’ la mano a Francesco Innocenzi, puntuale nell’inserimento Forward Flight, che passava in vantaggio al giro finale. Francesca ha proseguito spedita sul passo, controllando la situazione in retta imponendosi per quasi quattro lunghezze dalla femmina del ‘Brigante’. Nocciola e Giulia Pellegrini soffiavano il terzo posto a Mike Pancake. Terza vittoria in carriera per il figlio di Declaration Of War, la prima in Italia.

FORWARD FLIGHT E FRANCESCA CECCHINI PRECEDONO SOPRAN DRUSILLA

FIRENZE. RICCARDO, THE FIRST MAN!

07.05.24

A Firenze il primo successo in carriera per RICCARDO DI MORO. Figlio del Gr Stefano, il giovane cavaliere aveva girato intorno al successo in un paio di occasioni, ed in sella a Breguet Man ben preparato da Iacopo Bindi, allenatore ex Gr che ha spesso lanciato alla prima vittoria diversi amatori, è riuscito a togliersi questa bella soddisfazione. Di Moro si è posizionato sulle tracce dello staffato Mister Gaetano, attaccando con lungo contropiede in retta d’arrivo. Preso vantaggio ai 400 finali, il sette anni proseguiva sullo slancio mentre da dietro iniziava ad organizzarsi il top weight Drogon, che alle intersezioni aveva subito uno svarione involontario da parte di Galu Tue. In fondo Breguet Man era ancora bene avanti ad Antonio Siri, mentre all’interno Timba Reel con Francesca Cecchini rimontavano il generoso Beautiful World con Angelo Crocicchia, apparso sempre nel vivo della corsa. Per il quinto da segnalare la buona rincorsa conclusiva di Get Game con l’amazzone Alessia Nuti.

BREGUET MAN E RICCARDO DI MORO AVANTI A DROGON E TIMBA REEL

MERANO. NICOLA CHE RANGER, LUIGI IMPECCABILE.

05.05.24

Due belle e nitide vittorie per la domenica in programma a Maia. Nella periziata sui 1500 metri, NICOLA CASATI ha effettuato il proprio compito in modo quanto mai diligente, cogliendo la prima vittoria in sella a Ranger In Paradise, passato sotto la sua proprietà e la formazione di Antonio Marcialis ad inizio Marzo. Giunto quarto nella Hunter di fine aprile, il figlio di Holy Roman Emperor non ha perso l’occasione di mettersi in evidenza in un handicap alla sua portata, nonostante l’importante situazione ponderale. Partito dalla seconda linea, Nicola ha atteso gli eventi penetrando in comodo passaggio al largo in prossimità delle intersezioni delle piste, presentandosi ai 300 finali in chiaro controllo della corsa, arrivando poi a precedere con quasi tre lunghezze di vantaggio Zia Rosa con Federica Bisson e Isabel Queen con Alberto Berton. Bravissimo anche LUIGI BONDI che è tornato a timbrare il cartellino in quel di Maia, interpretando molto bene Black Watch. Luigi ha mosso a metà della curva mantenendosi ben freddo nonostante la fuga in avanti di Arkan Show, marcando le corsie interne per presentarsi bene alla prima linea ai 400 finali. Corretto da Bondi, l’allievo di Raf Romano ha proseguito sullo slancio per poi precedere chiaramente Pandora’s Cup e Action Painting.

MILANO. DANILA IS BACK!

02.05.24

Torna alla vittoria DANILA CHERIO. In sella al suo Cleveleys l’amazzone piemontese ha riportato la periziata in ricordo dell’indimenticato Pietro Alberto Brocca sui 1400 metri in pista dritta. Reduce da due buoni piazzamenti, il figlio di Mayson non ha avuto problemi a sopperire l’importante top weight, contro una compagnia potenzialmente alla sua portata. Damila ha lavorato nella scia del leader Disputed anticipando le mosse del grigio e favorito della corsa Niagara Mouse interpretato da Simone Vitabile, rimasto alle spalle dei due rivali in prossimità dei 1000 metri. Cleveleys è scattato cattivo ai 300 finali superando il leader ben gestito da Fabrizio Perego, Niagara Mouse a quel punto muoveva per corsie esterne senza mai dare veramente l’impressione, se non per questioni visive, di poter impensierire il nuovo leader. Cleveleys vinceva in sello stile con una lunghezza abbondante, mentre il sorprendente Disputed teneva sotto controllo il grigio del team Vitabile, avvicinato nel finale di Gingi Life e Sofia Gotti. Per il vincitore settimo sigillo in carriera, il terzo con Danila Cherio in sella.

DANILA CHERIO E CLEVELEYS AVANTI A DISPUTED E FABRIZIO PEREGO

ROMA. GABRIELE REPLICA IMMEDIATA.

01.05.24

Reduce dalla netta vittoria nel giorno di Parioli e Regina Elena nella memoria del grande Gaetano Angellotti in sella al suo Dream Academy, GABRIELE DI GENNARO si è concesso un importante bis vincendo in foto stretta il Trofeo in ricordo di Roberto Bottanelli con la femmina Eutropia, periziata sui 1900. Apparsa in grande ripresa dopo il piazzamento ottenuto nello scorso mese, la cinque anni da Mujhaid si è presentata molto carica in prima linea ai 400 finali, dando la sensazione di essere in assoluto controllo della corsa pervenendo sugli animatori Have A Cigar ed Io So Io. Di Gennaro mollava gli ormeggi ai 250 finali, la cavalla rispondeva nonostante qualche reticenza caratteriale, ma nel finale riusciva a salvare il successo per una corsa testa da Blanc Menteur ben collocato al largo dall’ispirato Riccardo Belluco, protagonista di ottimo finale all’esterno dell’avversaria. Chiamami Boss e Nicola Casati si presentavano per corsie interne, battuti nel finale dall’ottima chiusa di Pasquino e Damiano Poggi. Sesta vittoria in carriera per la vincitrice, la prima con Gab Di Gennaro in sella.

EUTROPIA AVANTI DI MISURA A BLANC MENTEUR

MERANO, FABRIZIO VOLA, DANIELE IN PARADISE!

28.04.24

A Merano si partiva con la periziata sui 2400 metri dove una straordinaria Ancalena, interpretata con grandissima convinzione da FABRIZIO PEREGO, ha pizzicato sul traguardo il compagno di allenamento Hard Worker, in sella al quale Alessio Lenzi probabilmente convinto di avere già in tasca la vittoria, metteva giù negli ultimi tempi di galoppo, consentendo alla femmina appartenente a Denise Pederiva, di agganciare sul traguardo l’avversario mettendogli un muso davanti. Perego partiva ultimo dopo avvio molto prudente, iniziando la risalita all’inizio della piegata finale, sparando poi una retta d’arrivo sensazionale che gli consentiva di recuperare manciate di lunghezze, volando letteralmente negli ultimi 100 metri di gara. Sesta vittoria in carriera per la figlia di Zebedee, la quinta a Maia. Vince ancora l’ottimo DANIELE BERNARDINI che sta attraversando un momento di forma davvero incredibile. Altro successo in sella a Blek Paradise per il bravo Simone Pugnotti, battuto nel finale Ficus Jode con Alessio Lenzi che precedeva Plutone e Moqui Marble. Per il vincitore seconda affermazione in carriera.

FABRIZIO PEREGO ED ANCALENA

ROMA. GABRIELE CON GRANDE ACADEMY!

28.04.24

Nel ricordo del grande Gaetano Angellotti, la periziata sui 1500 metri in all weather, dove è tornato alla vittoria l’ottimo GABRIELE DI GENNARO in sella al suo Dream Academy. Cavallo di qualità il sette anni da Acclamation, traferitosi da Elena Malgioglio durante il periodo invernale, ha finalmente trovato le giuste coordinate per imporsi in modo alquanto netto precedendo l’ottimo Dilan Blue, Comet Rocher e Gangsteroflove. Usciti di scena i due animatori della corsa Tagore e Cima Sound, il rientrante Dilan Blue, ben presentato da team Crocicchia, attaccava con forte percussione in mezzo alla pista, mentre Dream Academy pronto dalla seconda linea, si presentava bene in controllo ai 400 finali pronto a sferrare l’attacco poi decisivo negli ultimi 100 di gara. Quattro lunghezze scarse dividevano il vincitore dal sei anni da Buratino, che aveva ancora risorse per resistere al finale di Come Rocher con Alberto Carrassi e Gangsteroflove interpretato da Marianna Filipponi. Per Dream Academy decima vittoria in carriera, la quinta a Capannelle sul tracciato sintetico, la prima per il team Di Gennaro Malgiolio.

DREAM ACADEMY E GABRIELE DI GENNARO

FIRENZE. RICCARDO SOPRAN L’ARNO…

25.04.24

Grande vittoria di RICCARDO BELLUCO nel tradizionale Raffaello Picchi, appuntamento in formato ‘Arno’ per gli amatori, nella quale la grigia Sopran Islanda targata Bruno Grizzetti, è riuscita a mettere una corta incollatura davanti al top weight Shikami e I Saw That. Uno splendido finale quello offerto dai tre gentlemen di altissimo profilo come Ricky Belluco, Siri detto ‘Amsicora’ e il champion Antonio Ferramosca. Mr Coalville con Camilla Orlandi si presentava in vantaggio lungo la retta d’arrivo, contrastato dallo scosso Dangerous Game (Luca Foresi caduto) cercando di opporsi ad I Saw That, anch’esso sacrificato dal cavallo in libertà, quando in mezzo al plotone iniziava ad emergere la sagoma della femmina da El Kabeir sospinta dalla curva da Belluco. Nel frattempo iniziava ad organizzarsi anche Shikami, che Siri aveva tenuto a fari spenti iniziando forte progressione in mezzo alla pista. Calato il leader i tre si giocavano la vittoria in un finale degno, nel quale la portacolori della Grizzetti Galoppo la spuntava in maniera chirurgica. Curiosità, terza vittoria in carriera per Sopran Islanda, trittico conquistato sempre un un amatore a bordo.

SOPRAN ISLANDA DI MISURA AVANTI A SHIKAMI E I SAW THAT

MILANO. JESSICA ALL’ULTIMO RESPIRO.

24.04.24

Il tradizionale Franco Baraldi ci ha regalato un finale bellissimo in chiave tutta rosa, grazie al testa testa fra Claudia Wendel in sella al suo Zandaam e Jessica Spampatti a bordo della femmina Lechro. E’ stata proprio quest’ultima ad imporsi mettendo un musino davanti all’avversario, al termine di una corsa molto tirata caratterizzata dal ritmo imposto in avanti da Bull Dozer ed Angela Garbetta, pungolata incessantemente dallo stesso Zandaam, seguito da One Time Bed e l’allieva di Virginia Tavazzani ben collocata alle spalle del trio. La Wendel rompeva definitivamente gli argini ai 700 finali in sella al figlio di Arcano, conquistando la posizione di front runner e attuando un lungo contropiede che mancava soltanto all’ultimo tempo di galoppo, quando Lechro e Jessica Spampatti, attenta a non perdere di vista l’allievo di Jeurg Langmeier, attaccava decisa ai 400 raggiungendo sul filo di lana l’avversario. Recuperava bene nel finale svincolandosi dal gruppo For The Faithful interpretato da Simone Vitabile, superando il generoso Salsapoppy con Riccardo Di Moro, mentre il bisbetico Agent Zero, imponeva come sempre gli straordinari a Danila Cherio, capace comunque di buon recupero finale.

ZAANDAM E LECHRO ALL’ESTERNO ALLE PRESE PER LA VITTORIA

ROMA. ANTONIO GIOCA CON LA ZONA!

21.04.24

Vince la prova romana sul dirt l’infinito Zona Cesarini ben interpretato da ANTONIO SIRI. Cavallo non semplice da portare avanti ma che ‘Amsicora’ conosce alla perfezione, l’otto anni targato Paola Maria Gaetano ha insaccato la 19 esima vittoria in carriera, quinta a Roma su questa superfice, la sesta nel computo totale alle Capannelle, la seconda con Antonio a bordo. Sui fatidici 2300 romani Alberto Carrassi ha provato a metterla sul passo veloce in sella alla sua Nyx’s Impact, inseguita all’ingresso in dirittura d’arrivo da Caron Dimonio e lo stesso Zona Cesarini, a loro volta curati da Shekerando ed Angelo Crocicchia pronti a lanciarsi in forte progressione per corsie esterna. Uscita di scena la leader ai 250 finali, Zona Cesarini ben sostenuta da Siri, si metteva in difesa da un coraggioso Shekerando che Crocicchia aveva impostato perfettamente sulla parte alta dello steccato, lanciando serio attacco nell’ultimo tratto di gara. Easy dei Grif e Luca Foresi recuperavano per un buon terzo posto guardando alle vie brevi precedendo Di Gennaro e Caron Dimonio.

ZONA CESARINI E ANTONIO SIRI PRECEDONO UN VALIDO SHEKERANDO

MERANO. DANIELE IN BLACK, CLAUDIA IN COAST TO COAST

21.04.24

Una Hunter ed un handicap di minima nella domenica di Merano. Nella prima prova del pomeriggio è tornato a vincere alla sua maniera il veterano Villabate interpretato da CLAUDIA WENDEL, al termine di una splendida corsa da front runner che ha impedito alla seguita Blue Kiss con Antonio Ferramosca di interferire nel discorso vittoria. Consueto cliché per la nove anni da Holy Roman Emperor che ha ottenuto la 12 esima vittoria in carriera, la sesta con l’amazzone svizzera in sella, di fatto la sesta sulla pista meranese. In grande spolvero anche DANIELE BERNARDINI che ha siglato la periziata di minima sui 2200 metri in sella a Black Watch. Splendido il recupero finale per corsie interne che gli ha permesso di andare a prendere la leader Arkan Show con Alice De Bortoli, a distacco Jackson con Nicolò Valentini, altro ragazzo che gradatamente sta mostrando le sue capacità oltre alla grande passione.

CHILIVANI. MARCO E OLEKSANDER NON DELUDONO.

Eletti chiari favoriti intorno al settanta per cento, Oleksander e MARCO GAIAS hanno tenuto fede al pronostico precedendo Land Of Giant e Antonio Maldotti nella prova a reclamare sui 1800 metri. Posizionati alle spalle della prima linea poco prima della piegata finale, Gaias muoveva per corsie esterne andando in caccia di Land Of Giant, liberatosi ai 500 finali di Royal Cotai e Karaki. Preso vantaggio ai rivali l’allievo di Francesco Brocca non poteva opporsi al sette anni presentato da Giuseppe Piccinnu, con il figlio di Teofilo che in fondo legittimava la sua miglior prestanza. Restanza al terzo posto Royal Cotai interpretato da Arturo Lai.

OLEKSANDER E MARCO GAIAS NETTI AL TRAGUARDO

MILANO. VITABILE STILE VALCHIRIA..

17.04.24

L’attesa Greevalchiria ha conquistato l’handicap sul miglio in ricordo della scuderia Giocri, tanti i successi con il suo Martino Boffa in sella. Bravo come sempre SIMONE VITABILE che ha gestito perfettamente nelle risorse e nel cliché tattico la cinque anni targata Cristiano Fais, partita puntuale dalla seconda linea ai 400 finali pronta ad andare a prendere Di Più interpretato da Jessica Spampatti, che in sella a castrone di Stefano Botti aveva costruito un valido coast to coast. Divo Dei Grif Gianpaolo Mollo che si erano ben presentati ai 500, calavano in fondo alla corsa rimontati da Cleveleys e Danila Cherio, protagonisti di un bel recupero finale nonostante un impegnativo percorso interno. Quarto Curandero con Nicola Casati. Per la vincitrice si è trattata della sesta vittoria in carriera, la quinta a Milano e la prima con un cavaliere a bordo.

GREENVALCHIRIA AVANTI A DI PIU’

FOLLONICA. SIMONE CI HA PRESO GUSTO.

17.04.24

Dopo la vittoria a sorpresa in sella al suo Mister Gaetano in quel di Pisa, a distanza di quattro giorni SIMONE BIZZI è tornato a vincere interpretando Scarlet Beauty, ex Botti sotto la gestione di Iacopo Bindi quest’oggi nuovamente impiegata con il paraocchi australiano. Nonostante il top weight la quattro anni da Belardo ha atteso gli eventi alle spalle di Tuttosolo Darborea, uscito di scena all’inizio della dirittura opposta, momento in cui Simone ha preso il comando delle operazioni pervenendo in anticipo su Nocciola e Giulia Pellegrini, per poi staccarsi netta in retta d’arrivo. Per il secondo posto Naif e Francesca Cecchini precedevano la compagna Nocciola. Per Scarlet Beauty si è trattata della terza vittoria in carriera, prima a Follonica sulla sabbia e con un cavaliere a bordo.

SIMONE BIZZI E SCARLET BEAUTY SI STACCANO DAL GRUPPO

MERANO. CLAUDIA COLPISCE, RICCARDO DI POTENZA.

14.04.24

Una mezza ed una sorpresa nella prima giornata di corse a Maia. Nella Hunter sui 2200 metri vittoria ad alta quota del tedesco El Konsti, allievo del sempre temibile Karoly Kerekes giunto per la prima volta a Merano da cavallo maiden e con una carta praticamente nulla. Il figlio di Helmet interpretato dall’amazzone Claudia Pedl, ha strapazzato la compagnia sparando allungo imparabile ai 200 finali con il quale ha messo a tacere ogni velleità, lasciando in lotta per il secondo posto Yeeeaah, protagonista di gran finale in mezzo alla pista, di misura avanti a Twin Secret intepretato da Daniele Bernardini e il caldo favorito Stronger Together affidato a Simone Vitabile. Nella periziata di minima sui 1500 metri, prima vittoria italiana anche per il top weight Manopus. Bravo Riccardo Belluco negli attendere gli eventi in seconda linea, per poi allungare fra i cavalli in mezzo alla pista con potente progressione ai 400 finali. Nulla da fare per il lanciato Blek Paradise che terminava mezza lunghezza avanti a Clarmont interpretato da Alberto Berton.

RICCARDO BELLUCO E MANOPUS

MILANO. MARTA SUPER CREATURE..

13.04.24

Sesta vittoria in carriera per l’amazzone MARTA MATARAZZO, che a Milano ha ottenuto un nettissimo primo piano nella reclamare sui 1800 metri del Premio Luigi di Grazzano Visconti. Fino ad oggi non pervenuto, il quattro anni allenato da Stefano Botti ha strapazzato la compagnia nonostante fosse al rientro dopo oltre 200 giorni di sosta. Marta lo impiegato con grande fiducia e la risposta da parte del figlio di Kessaar è stata notevole, quando dopo aver flottato sulla prima linea, si è presentato cattivo ai 400 finali pervenendo sui battaglianti Show Airing e Reggiolo, correggendo il ‘bottiano’ ai 200 finali per poi isolarsi con assoluto dominio nel finale. Finish importante per il secondo posto di Sopran Islanda e Mirko Mammano Lupo, ottima rincorsa per corsie centrali per Deep Dive e Danila Cherio; ottimo rientro di Iskanderhon.

MARTA MATARAZZO E WILD CREATURE

PISA. SIMONE FA IL MISTER..

13.04.24

Alla fine Simone Bizzi è riuscito a trovare una meritata vittoria dopo svariati tentativi. In sella al suo Mister Gaetano ha sorpreso tutti da vero e proprio underdog, battendo Cima Sound, Sopran Drusilla e Beautiful World. Il figlio di Churchill che aveva cambiato formazione per ben tre volte, è riuscito nell’intento di conquistare la sua seconda vittoria in carriera a distanza di oltre due anni dal suo primo successo. Bravo Simone che ha sfruttato tutte le risorse a diposizione centrando anche la chiave tattica della corsa, attendendo alle spalle dell’unico vero contendente, il leader Cima Sound, per allungare sicuro in corda lasciando al secondo posto il rappresentante della famiglia Bocci.

SIMONE BIZZI E MISTER GAETANO

PISA. ANTONIO CHE SHIKAMI!

07.04.24

Lo Shikami è la tradizionale maschera nipponica che rappresenta tutta la cattiveria dell’uomo, in questo caso quella agonistica, messa in campo dalla splendida interpretazione di ANTONIO SIRI, che con un finale pazzesco travolgeva tutta la compagnia per conquistare la tappa pisana della Fegentri World Championship Gentleman Riders. Non vinceva dal novembre 2022 l’allievo di Elisa Castelli, che aveva comunque dato recenti segnali di ripresa al fine di tornare a recitare un potenziale ruolo da protagonista, che puntualmente si è materializzato in questa corsa battendo l’amico e serio rivale in pista Carlo Sanna in sella al suo Mister Mela. ‘Amsicora’ si è messo in coda ben carico a guardare le corsa, muovendo in mezzo alla pista all’ingresso della dirittura d’arrivo. Glory Box e Mirko Mammano Lupo nel frattempo tentavano il contropiede lungo ai 500 finali, agganciato negli ultimi 100 di corsa da Mister Mela prima e Shikami poi che con una rasoiata terribile infliggeva la sconfitta al lanciatissimo rappresentante di Carlo Sanna. Glory Box calava solo nel finale battuto in fondo da Sopran Dublino ed Emanuele Antinori.

SHIKAMI ED ANTONIO SIRI AVANTI A MISTER MELA E CARLO SANNA

CHILIVANI. DANIELE SUPER SMART!

06.04.24

Sono tornati gli amatori a Chilivani e il primo squillo è stato quello di DANIELE ZUCCA che in sella ma Smart Rag ha completato uno splendido coast to coast nellareclamare sui 1600 metri. Un bel primo piano offerto quello dal sette anni targato Angelo Godani, andato via nel momento topico della corsa per controllare agevolmente la situazione precedendo Royal Cotai con Arturo Lai che in fondo piegava per una corta testa Peppesp con Giuseppe Chessa in sella. Nona vittoria in carriera per Smart Ragi, la prima a Chilivani ma la quarta con un cavaliere a bordo. TREVISO. Tre le corse i programma nel pomeriggio di Treviso. La cartolina della giornata arriva senza dubbio dalla vittoria finalmente meritata di Voluntary e GRAZIANO PEDERSOLI, cavaliere che incarna la vera passione dello spirito amatoriale, netto al traguardo nella periziata sui 2350 metri. Più combattuta del previsto la reclamare sul miglio, dove l’attesa Angel Spring con ANTONIO FERRAMOSCA in sella ha preceduto di misura Pandoraìs Cup che Daniele Bernardini, mentre in chiusura di programma è tornato alla vittoria anche FORTUNATO MARIOTTO grazie alla splendida corsa da front runner inscenata da Light My Soul su Dubai Sound e Alessio lenzi finiti forti all’epilogo.

DANIELE ZUCCA ESULTA IN SELLA A SMART RAG.

FIRENZE. Il PRINCIPE COME CIGAR…

04.04.24

ALBERTO CARRASSI torna alla vittoria in questo 2024 e può essere fortemente soddisfatto del lavoro svolto fino ad oggi con il suo Have A Cigar, assoluto dominatore della periziata riservata agli amatori sui 2200 metri in ricordo di Alberto Chantre. Cavallo in forma straripante il figlio di Kingsfort, cinque vittorie in carriera (la terza per il team Carrassi) già netto dominatore in un handicap romano con linea confermata per il recente successo di Chiamami Boss, il ‘Principe’ si è reso protagonista di un costo to coast che non ha lasciato traccia per i suoi avversari, nonostante l’importante situazione ponderale. Buono comunque l’avvicinamento conclusivo per Cuore Nero interpretato da Damiano Poggi, uno dei Gr più in forma del momento, secondo avanti al veterano Alessandro Pisani in sella a Doralice.

HAVE A CIGAR E ALBERTO CARRASSI

MILANO. FRANCESCA SCATENATA, VOLA CON ALLOCCO!

03.04.24

Alla sua prima nella scala del galoppo, la giovane FRANCESCA CECCHINI ha vinto in splendido stile in sella al formidabile Allocco. Dopo aver siglato la sua prima in carriera alle Capannelle in sella all’outsider Tagore, l’amazzone toscana ha concesso un meravigliosa replica conquistando la difficile periziata sui 1400 della dirittura meneghina, lasciando al secondo posto il favorito Niagara Mouse. Quest’ultimo interpretato da Simone Vitabile galleggiava in costante prima linea sparando effervescente progressione al primo traguardo, dando la sensazione di poter dominare la scena. Allocco però, bene in grip in mezzo alla pista, recuperava gradatamente lunghezze al rivale con Francesca molto ordinata in sella, scattando ai 200 per poi staccarsi dallo stesso che riusciva a conservare una testa di vantaggio sull’accorrente It Is Now interpretato da Alessio Lenzi. Per Allocco, vero specialista della pista dritta si trattava della settima vittoria in carriera, la quarta a Milano, la seconda con un’amazzone in sella.

ALLOCCO E FRANCESCA CECCHINI AVANTI AL RESTO DEL GRUPPO

ROMA. RICCARDO, FACILE, SEMPLICE, DAMBLE’!

01.04.24

Appuntamento con il Trofeo Zaini alle Capannelle. Il grigio Damble interpretato dal suo proprietario RICCARDO BELLUCO, ha vinto con estrema facilità dominando la corsa ai 300 finali, dopo che aveva seguito in maniera molto confidenti il leader Nightcrawler e il suo diretto inseguitore Il Paladino Rosso. Spostatosi gradatamente sullo steccato delle tribune, Belluco si è presentato molto facile dopo il cartello dei 400, da qui in poi un vero e proprio canter ed una chiusa in totale ed assoluto controllo precedendo il top weight Proiettile con Dream Academy al terzo posto. Per il vincitore si è trattata della settima affermazione in carriera, la quinta alle Capannelle (tutte sull’all weather) la prima con il proprietario a bordo.

RICCARDO BELLUCO E DAMBLE

FIRENZE. ANTONIO, PASQUA CON IL KISS.

31.03.24

A Firenze la prima giornata della sessione primaverile e subito protagonisti gli amatori in una vendere sui 1500 metri. Ha vinto Blue Kiss con ANTONIO FERRAMOSCA, alla terza vittoria consecutiva in questo mese di marzo dopo i successi di Treviso e Pisa. Un’affermazione di grande sostanza per la cinque anni da Raven’s Pass, perché l’avversario in questione nonché favorito in codominio come Sicilian Focus, ha tentato dando un duro attacco alla rivale di rendere il compito meno semplice alla portacolori labronica. Uscito di scena Love The King alle intersezioni, Blue Kiss è sfilata via alla corda subito inseguita da Sicilian Focus ed Angelo Crocicchia, superando all’interno Its The Only Way affidato a Manuel Cremaschi. Sicilian lanciava una seria controffensiva alla femmina negli ultimi 200 di gara, ma Blue Kiss sapeva reagire con buon stile difendendo la posizione fino al traguardo. Per la cinque anni uno score di 11 vittorie in carriera sulle 38 disputate, ben nove con Ferramosca in sella, la terza a Firenze.

BLUE KISS VS SICILIAN FOCUS

MILANO. SIMONE COME UNA LEAF…

30.03.24

Prima stagionale per i cavalieri e le amazzoni a San Siro con un bell’handicap sui 1800 in pista grande, che ha sancito la vittoria del favorito Nayleaf interpretato da SIMONE VITABILE. Sfruttando la forma toscana ma soprattutto il ritorno su di un tracciato certamente più congeniale per le caratteristiche del sette anni, l’allievo di Luciano Vitabile ha ribadito la propria superiorità, al termine di un percorso ben orchestrato dal cavaliere siciliano, già vincitore anche fra i professionisti con il figlio di Nayef. Lavorando alle spalle della prima linea, Naylef ha mosso per corsie interne ai 400 finali, andando a prendere un baldanzoso Lechro che sotto la gestione di Jessica Spampatti aveva tentato la carta del contropiede affondando il colpo a due furlong dal traguardo, dopo aver superato i battaglianti Voices From Warm, Valzer e Trevithick. Si materializzava un bel match fra Nayleaf e l’allievo di Virginia Tavazzani ai 200 finali, ma poco dopo Nayleaf prendeva vantaggio decisivo all’interno dell’avversario allungando per una lunghezza abbondante fino al traguardo. Da segnalare il buon recupero dalla retroguardia di Pietra Roja e Sofia Gotti.

SIMONE VITABILE POST VITTORIA NAYLEF

ROMA. NICOLA TORNA ALLA VITTORIA DA BOSS

29.03.24

Reduce da una buona prestazione contro un avversario volante nel suo ultimo impegno romano, Chiamami Boss è tornato alla vittoria e con lui il suo proprietario NICOLASA CASATI. Ottima performance per il figlio di Casamento che di fatto è tornato a riempire la prima casella del podio che mancava dallo scordo aprile. Ben gestito da Nicola e preparato perfettamente da Luciano Bietolini, il sei anni ha sfruttato un trend di gara molto favorevole dopo che Nyx’s Impact aveva fatto la melina in avanti lanciando la volata in retta. Splendida la proiezione all’interno di Chiamami Boss, che ai 400 si presentava con buon piglio e molto confidenziale nelle mani di Nicola, pronto nella risposta al top weight Zona Cesarini, che Antonio Siri riusciva a mettere sulle gambe sfruttando la presenza al suo esterno di Easy Dei Grif, lanciatosi dalla coda del drappello con Luca Foresi. Per Chiamami Boss si è trattata della settima vittoria in carriera, la sesta a Roma, la seconda sul fondo sintetico e la prima con il suo proprietario a bordo.

CHIAMAMI BOSS E NICOLA CASATI PRECEDONO L’OTTIMO ZONA CESARINI CON ANTONIO SIRI

PISA. DAMIANO MOLTO ROOER.

28.03.24

Nel ricordo di un grande cavaliere come Amedeo Tanzi, la periziata sui 2000 metri nella quale Petra Rooer e DAMIANO POGGI hanno offerto un bel coast to coast, respingendo per tutta la retta d’arrivo Timba Reel interpretato da Francesca Cecchini. Damiano ha condotto gestendo bene i parziali lungo il percorso, quando ai 300 la top weight Timba Reel sfoderava l’attacco dando la sensazione di poter superare il rivale. L’esperienza del cavaliere romano, nonostante il buon tempismo da parte della giovane e brava Francesca, reduce dalla sua prima vittoria in carriera, erano elementi oltre al divario ponderale, che alla fine giocavano in favore dell’allieva di Elio Monteriso che riusciva finalmente a togliersi la qualifica di maiden. Al terzo posto chiudeva il veterano Capitan Renaccio.

PETRA ROOER E DAMIANO POGGI

VARESE. SIMONE GIOCA A PALLA…

27.03.24

Chiara vittoria di Pallapannochieschi e SIMONE VITABILE nella Hunter sui 1500 metri disputata sul tracciato in erba varesino. Uno splendido coast to coast quello offerto dall’allievo di Virginia Tavazzani, apparso sempre in controllo della corsa, anche nel momento in cui Atzeco e Riccardo Belluco hanno tentato la sortita al loro esterno. Chiaro il body language del cavaliere siciliano, che non ha mai avuto bisogno di sfilare la cravache nonostante il serio tentativo d’attacco proposto dal pupillo di Bruno Grizzetti. Da segnalare il buon rientro di Lagomago montato da Mirko Mammano Lupo, che precedeva Ranger In Paradise cn il suo proprietario Nicola Casati. Per il vincitore la sua prima vittoria a Varese dopo aver tentato il Borghi la scorsa estate, quarto successo in carriera per il rappresentante della Hyperactive Horse.

SIMONE VITABILE E PALLAPANNOCHIESCHI AVANTI AD ATZECO E RICCARDO BELLUCO

TREVISO. SPAVENTO BODINI… ALBERTO FA IL KING, DANIELE E RICCARDO EASY.

26.03.24

Brutta caduta per Gianluca Bodini nella periziata sui 2000 metri. Berenson è andato giù in maniera fatale poco prima dell’ingresso in dirittura travolgendo di fatto il suo cavaliere. Inizialmente l’incidente sembrava aver assunto proporzioni molto gravi per il cavaliere, in seguito Stella Giordano allenatrice del cavallo, ci ha detto di aver parlato personalmente con Bodini al quale veniva riscontrato un trauma cranico. Bloccato a scopo precauzionale con il classico collare, Bodini attende adesso altri riscontri per capire se ci sono fratture o lesioni di altra natura, pur non ricordandosi le circostanze della caduta. Per la cronaca netta vittoria dell’atteso Star King con ALBERTO BERTON in sella, alla quale hanno fatto seguito due successi molto limpidi, quello di Blek Paradise e DANIELE BERNARDINI nella periziata di minima sui 2000 metri, e quello della netta favorita Fulsome e RICCARDO BELLUCO in chiusura di programma nella reclamare sul miglio.

24.03.24

Puntuale replica di Mister Mela e CARLO SANNA nella periziata sui 1500 metri in ricordo di Vittorio Bedini. Reduce da una larga affermazione (la sua prima in carriera) in un handicap di minima a San Rossore, il figlio di Churchill ha sfruttato la situazione ponderale, godendo del meno due nella scala dei pesi grazie alla monta del suo proprietario. Lasciato sfilare al comando Cima Sound con Leonardo Bocci, seguito da Mister Gaetano e Diamond Dougal, il ‘Brigante’ ha iniziato corposa progressione all’ingresso in retta attaccando deciso ai 300 finali, inseguito al largo dal caratteriale Wassim con la monta di Giacomo Perugini, e Ancora Drago proteso per vie interne dopo aver slalomeggiato fra i cavalli. Quest’ultimo risultava essere l’avversario principale per il castrone, che in fondo s’imponeva netto per due lunghezze abbondanti. Piccolo giallo finale con il vincitore che scendeva sulla linea di Ancora Drago e Antonio Ferramosca, conseguente inchiesta dei commissari che non apportava modifiche all’ordine di arrivo.

LA PREMIAZIONE DI CARLO SANNA IN RICORDO DI VITTORIO BEDINI

ROMA. DAMIANO MARCA A ZONA..

22.03.24

Dopo la sfortunata e controversa parentesi pisana di giovedì pomeriggio, DAMIANO POGGI ha consumato la propria rivincita sportiva battendo in volata l’atteso Drogon. Nella periziata sui 1600 in all weather, il Gr romano in sella a Zona D’Ombra, si è reso protagonista di un super finale con il quale è andato a prendere il fuggitivo Drogon interpretato da Antonio Siri, scattato ai 400 con il fine di prendere in contropiede i suoi avversari. Partito da molto lontano l’allievo di Ciro Luongo ha risposto alle sollecitazioni del suo cavaliere, materializzando la corposa rincorsa a 50 metri dal traguardo. Al terzo posto chiudeva Spock con Luca Foresi. Da segnalare per Zona D’Ombra la vittoria numero 13 in carriera, la terza con Damiano in sella.

ZONA D’OMBRA E DAMIANO POGGI AVANTI A DROGON

PISA. SUPER ANTONIO, VECCHIO MITCH.

21.03.24

Forma al diapason per ANTONIO SIRI che vince ancora in questo 2024 grazie al suo vecchio Mitch. Dopo il rientro effettuato a Napoli, il figlio di Vocalised ha trovato la giusta occasione per tornare al successo, una vittoria che mancava dallo scorso 15 giugno. Sui 1200 della periziata di minima, ‘Amsicora’ ha preso subito il comando ben gestendo la situazione sul percorso, controllando nel finale la bella rincorsa di Half July con Davide Terzuolo. Lazarus cavallo dalla difficile gestione, otteneva il terzo posto precedendo Paradise Prophet. Per il vincitore si è trattata della undicesima affermazione in carriera, curiosità, la prima a San Rossore.

ANTONIO SIRI E MITCH PRECEDONO HALF JULY CON DAVIDE TERZUOLO

VARESE. MIRKO NON OSTENTA, DOMINA.

20.03.24

Netta vittoria di Ostentation e MIRKO MAMMANO LUPO nella periziata sulla sabbia in chiusura di programma alle Bettole. Seguita al betting la figlia di Gladiatorus è tornata alla vittoria che mancava dallo scorso 13 dicembre, un primo piano assai netto scaturito da una prima parte di gara a parziali invertiti, che ha visto protagonisti Dark Black con Sofia Gotti e Vibrant Spirit interpretato da Jessica Spampatti, Esaurita la diatriba in rosa anche Ginger e Fred mollava gli ormeggi, mentre Ostentation risaliva ad ampie folate per corsie interne tagliando fuori l’accorrente top weight Willy Coyote all’ingresso in dirittura. Lo scatto messo in campo ai 200 finali da parte dell’allieva di Valentina Robesco chiudeva ampiamente la pratica, lasciando al secondo posto lo stesso Willy Coyote con Fabrizio Perego, mentre per il terzo posto recuperava dalle retrovie Curandero con Nicola Casati. Per la vincitrice la settima affermazione in carriera, la sesta ottenuta sulla sabbia, la seconda con un amatore a bordo.

OSTENTATION E MIRKO MAMMANO LUPO

ROMA, FRANCESCA PRIMA VITTORIA!

17.03.24

Tanto da raccontare in questa domenica del galoppo con ben cinque corse riservate agli amatori. La cartolina del giorno spetta però alla giovanissima FRANCESCA CECCHINI, che dopo aver aver strozzato in gola l’urlo della sua prima vittoria la scorsa settimana a Pisa, ha potuto finalmente gioire per il suo primo squillo all’esordio sul dirt romano in sella all’outsider Tagore. Concentrata, tranquilla, in sella come una veterana, l’amazzone toscana ha messo tutti in riga allungando al centro del cuneo per battere Comet Rocher con Luca Brunotti e Il Paladino Rosso interpretato dallo scatenato Damiano Poggi.

FRANCESCA CECCHINI

TREVISO, GIANLUCA E GRAZIANO EVERGREEN!

Se DANIELE BERNARDINI è il giovane che avanza e ALBERTO BERTON una realtà come sempre di grande qualità, oggi entrambi protagonisti a Treviso in sella a Twin Secret e Galu Tue, la menzione spetta però a due straordinari Gr con la lettera e la passione maiuscola che ci hanno regalato un finale degno di altri tempi. GIANLUCA BODINI E GRAZIANO PEDERSOLI, il primo che ha salvato il successo replicando in sella al suo Berenson l’handicap sui 2350 metri, sopperendo al grande finish di Voluntary e Graziano che per poco non fanno la festa al ‘Bodo’. Un grazie di cuore.

PISA, ANTONIO REPLICA CON KISS

A Pisa pronta replica di Blue Kiss è ANTONIO FERRAMOSCA che hanno primeggiato nella Hunter sul miglio precedendo Tendentious con Carlo Sanna e Forward Flight interpretato dal veterano Alessandro Pisani. Per Blue Kiss decima vittoria in carriera, l’ottava con il leader del Gr in sella, la seconda in quel di Pisa.

Floating Social Media Icons by Acurax Wordpress Designers
error: Content is protected !!
Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On Instagram